CoopUP BO, incontro#1: come si definisce la Value Proposition della propria impresa?

Come abbiamo anticipato qui, la seconda edizione di CoopUPBo è ufficialmente iniziata mercoledì 5 ottobre con il primo appuntamento su VALUE PROPOSITION: come comunicare la propria unicità al mercato.

Tantissimi i presenti, curiosi e pronti a iniziare questo percorso.

2016-10-05 14.16.10

L’evento è iniziato con l’intervento di Gaspare Caliri [Kilowatt] che ha raccontato chi è Kilowatt, soffermandosi in particolare sull’approccio, che ruota attorno a 4 modalità:

  • il design dei servizi
  • l’arte relazionale
  • il community organising
  • l’imprenditorialità

 Gaspare ci descrive anche i riferimenti a cui Kilowatt si ispira, in particolare:

  1. I provo e le bici bianche: un movimento nato a Amsterdam a metà degli anni Sessanta che, tra le altre cose, promosse il traffico ciclistico attraverso la distribuzione pubblica di biciclette di proprietà comune e pubblicò alcune proposte per una trasformazione urbana che mettesse al centro i bisogni dell’essere umano.
  2. A Malmö, nel 1975 la Pubblica Amministrazione decise di introdurre i computer all’interno degli uffici. Vista la resistenza degli impiegati, fu coinvolta una équipe di designer dei servizi per co-progettare con il personale l’utilizzo dei nuovi strumenti. Fu l’occasione per costruire un progetto in l’utente fosse al centro e partecipe, in modo che si appropriasse del nuovo strumento lavorativo.
  3. STPLN (Malmö): uno spazio per makers, aperto a chiunque voglia creare e costruire oggetti.
  4. artway of thinking: un collettivo di artisti relazionali che ha come obiettivo quello di fare ricerca sulla metodologia della co-creazione e sui processi creativi collettivi.

Gaspare ha poi spiegato il metodo di CoopUPBo, una incubazione che si basa sul network e abbandona la logica familiare, cioè di dipendenza da un genitore, per una tribale, di collaborazione tra le realtà, e abbia come obiettivo l’open innovation** [Trovate una breve sintesi di questo studio in questo post].

E arriviamo al tema della giornata: Cos’è la proposta di Valore? E l’identità?

La strutturazione di un valore si dà spesso per differenza: nella definizione della propria identità è più facile pensare a cosa NON si è e non si vuole essere, piuttosto che a cosa si è e si vuole essere. La parola a alcuni dei partecipanti:

Non voglio lanciare la mia linea di moda, voglio far conoscere alle persone il loro corpo e permettere loro di crearsi il modello più adatto [Sara Colombo, progetto Sew your idea]

Non vogliamo diventare l’ennesima piattaforma di condivisione e non vogliamo diventare un luogo in cui le persone si sbarazzano degli oggetti [Antonio Beraldi, progetto Leila]

Non vogliamo essere un coworking, vogliamo creare una interazione con le persone e farle diventare collaboratori per i servizi che offriamo [progetto Seven’s Bo]

Non saremo un incubatore di startup digitali, saremo un contenitore di idee che vengono da persone diverse [Marco Lotito, progetto Abitando s’impara]

Questo esercizio è molto utile nel momento in cui stiamo definendo la nostra idea di impresa; ci aiuta a chiarirci le idee e a trovare elementi distintivi nel caso in cui ci stiamo collocando in un mercato già affollato.

Nella seconda parte del seminario, Nicoletta Tranquillo [Kilowatt] ha introdotto il Value Proposition Canvas, strumento che aiuta a progettare, testare e costruire la Value Proposition aziendale nei confronti dei clienti- utenti. Questi sono centrali nel processo di costruzione del valore ed è da li che bisogna partire, dai loro bisogni e desideri.

Perciò, è fondamentale rispondere a queste domande:

  • a chi si rivolge la mia attività?
  • quali sono le sue difficoltà a livello emotivo, sociale, funzionale, lavorativo?
  • quali i suoi desideri?  
  • qual’è la sua giornata abituale?
  • come il mio servizio risolve quei problemi o si inserisce in quella giornata?

Ricordando sempre che il valore è soggettivo: può essere vero per un cliente e non per un altro. Perciò è importante non dimenticare che esistono diversi segmenti di clientela e per ognuno devo individuare le necessità per sviluppare prodotti adatti.

Il Value Proposition Canvas ci aiuta in questo passaggio.

La parte destra Customer Segment è quella relativa al cliente; nel compilarla è necessario definire: 1.Customer job (Cosa fa il mio cliente? Quali sono le sue attività?A quale bisogno rispondo con il mio prodotto/servizio?), 2.Gains (Quali sono i vantaggi che il mio prodotto/servizio genera per i miei utenti?), 3.Pains (Quali sono i rischi/svantaggi che il mio utente potrebbe sperimentare usando il mio prodotto/servizio?)

Value-Proposition-Canvas_A3

La parte sinistra è relativa invece alla Value Proposition, in cui si descrivono: 1.Prodotti/ servizi proposti (che devono corrispondere alle attività/caratteristiche dei target), 2.Gain creators (Quali caratteristiche del mio prodotto/servizio generano vantaggi per il mio utente), 3.Pain Relievers (Quali caratteristiche del mio prodotto riducono le difficoltà dei miei clienti).

Una volta compilato il VPC, è utile verificare che l’utente esista e abbia la caratteristiche immaginate per validare l’offerta che abbiamo immaginato.

Ultimo suggerimento di Nicoletta: è importante mantenere il core dell’offerta come prioritario e evitare di voler fare tutto subito.

2016-10-05 17.25.47

[Alcuni team impegnati nella compilazione del Value Proposition Canvas]

La giornata, si è conclusa con il tanto atteso momento MrWolf [se non sapete di cosa stiamo parlando, qui una breve spiegazione del format]. Dynamo, la velostazione di Bologna era l’impresa ospite, che è stata analizzata da Letizia Piangerelli [Innovation Advisor] e Stefano Follador [Kilowatt]. Qui una infografica riassuntiva delle domande emerse e le relative risposte dei MrWolf.

Il prossimo appuntamento sarà mercoledi 19 ottobre su L’IDEA D’IMPRESA: strumenti per creare e rimodellare la proposta di valore, tra business modeling e community.

Non sarà previsto ilmomento MrWolf, perciò l’orario è dalle 14,00 alle 18,00 a Kilowatt c/o Le Serre dei Giardini Margherita, via Castiglione 134.

Per informazioni o domande, scrivete a coopupbo@confcooperative.it

**Per approfondire: alcuni materiali sull’open innovation e le slide dei relatori

Economy Up

Digital Open Innovation

Uidu.org

Accenture

Open Innovation, the new imperative for creating and profiting from technology, Henry Chesbrough, 2003

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *